Costruire un'Europa competitiva e orientata al futuro

Il nostro Gruppo di lavoro Bilancio e politiche strutturali si adopera per definire un bilancio che consenta all'Europa di diventare più competitiva e orientata al futuro, mediante la promozione di un utilizzo più efficace ed efficiente del denaro dei contribuenti, con l'obiettivo di conseguire risultati ottimali per i fondi dell'UE. Il Gruppo PPE ha promosso con successo norme amministrative e finanziarie più semplici per sgravare da oneri gli allevatori, le piccole e medie imprese, le autorità locali e regionali e tutti i soggetti che beneficiano di finanziamenti dell'UE.

Abbiamo sempre sostenuto le piccole e medie imprese in qualsiasi legge che le riguardi, in particolare negli stanziamenti di bilancio. Grazie a una modifica delle norme, inoltre, gli agricoltori europei potranno accedere più facilmente ai finanziamenti dell'UE. I nostri deputati hanno sostenuto misure per contrastare l'adulterazione del miele e promosso un quadro normativo che incentivi una pesca sostenibile nel Mare del Nord.

Presidente

Our position

L’austerità di bilancio non è un capriccio

L'Economia Sociale di Mercato ha bisogno di finanze pubbliche in buono stato. Se l'Europa vuole mantenere alti livelli di protezione sociale, abbiamo urgente bisogno di consolidamento fiscale. Ridurre la spesa pubblica non necessaria rappresenta una condizione per stimolare la crescita economica e gli investimenti. Le scorciatoie proposte dai gruppi politici di sinistra espongono solo la nostra economia ad un rischio maggiore di recessione sempre più lunga. I giovani e le generazioni future meritano di vivere senza i fardelli del passato.

Il Bilancio dell'UE rappresenta meno dell'1% del PIL europeo per 500 milioni di abitanti. Il Bilancio dell'UE dovrebbe essere flessibile, in modo che l'Europa sia in grado di finanziare le sue politiche.

Mantenere l'agricoltura europea competitiva

Per garantire un'alimentazione sana, l'UE deve tutelare i settori dell'agricoltura e della pesca socialmente utili, competitivi ed ecocompatibili, unitamente a un tenore di vita sano ed equo per agricoltori e pescatori.

L'Europa deve anche lottare per la sicurezza alimentare e contro le frodi alimentari, consentendo al contempo all'agricoltura europea di essere competitiva e di garantire sicurezza alimentare a 500 milioni di cittadini. Riteniamo che l'UE debba focalizzare i finanziamenti sul mantenimento dei posti di lavoro e sull'incremento delle aree rurali.

Finanziamento responsabile a livello delle regioni

Un nuovo sistema di risorse proprie dovrebbe rendere più trasparente i finanziamenti dell'UE mentre gli Stati membri dovrebbero assumere la piena responsabilità della corretta gestione dei finanziamenti dell'UE. Circa l'80% dei fondi viene attivato a livello nazionale e il finanziamento è reso responsabile per merito del controllo vigile della Commissione europea.