Da 04.12.2023 9:00 A 10.12.2023 9:30

The Week ahead

Take a look at what we have coming up over the next seven days. Explore our EPP Group agenda and the main issues we’ll be focusing on in the week ahead: from upcoming debates in the European Parliament on important legislative and policy issues to the meetings that our Members will be attending.

01.12.2023

The Week ahead

Avviso importante
Questo documento e' stato tradotto automaticamente.
Mostra versione originale

Responsabilizzare i giovani agricoltori

young

Il Gruppo PPE vuole discutere le sfide e le opportunità che i giovani agricoltori devono affrontare in Europa. Mercoledì, il Congresso europeo dei giovani agricoltori riunirà a Bruxelles oltre 300 giovani agricoltori, responsabili politici e operatori agricoli di tutta Europa. Nel corso dell'evento verranno assegnati i Premi europei per i giovani agricoltori, che premiano idee e pratiche sostenibili e innovative che affrontano le sfide del settore agricolo, come il rinnovamento generazionale, la mitigazione dei cambiamenti climatici, la sicurezza alimentare e i progressi tecnologici. "Gli agricoltori stanno invecchiando. Nel 2020, solo un agricoltore su dieci avrà meno di 40 anni. Abbiamo urgente bisogno che i giovani entrino nel settore per garantire la nostra produzione alimentare", sottolinea Herbert Dorfmann, portavoce del gruppo PPE per l'Agricoltura e lo Sviluppo rurale, uno degli organizzatori del congresso.

Sánchez deve difendere lo Stato di diritto in Spagna

Demonstration

Il Gruppo PPE invita la Commissione europea a valutare se i termini dell'accordo tra il premier socialista spagnolo Pedro Sánchez e il partito separatista catalano "Junts", guidato dall'eurodeputato Carles Puigdemont, costituiscano una violazione dello Stato di diritto e del principio della separazione dei poteri. Lunedì la Commissione Affari interni del Parlamento discuterà lo stato dello Stato di diritto nell'UE. "Chiediamo a tutti i socialisti e ai leader europei di difendere lo Stato di diritto in Europa. Per il Gruppo PPE, la difesa dello Stato di diritto, della libertà e dell'uguaglianza è fondamentale, indipendentemente da chi è al potere. Il Gruppo PPE lo ha sempre fatto", affermano Dolors Montserrat e Javier Zarzalejos. Montserrat è vicepresidente del Gruppo PPE e capo della delegazione spagnola.

Dare potere a giovani autisti qualificati

Driver

Non gravare o discriminare i conducenti giovani o anziani. Il gruppo del PPE vuole responsabilizzare tutti i conducenti, in particolare quelli alle prime armi, prendendo in considerazione misure come l'abbassamento dell'età per la patente professionale e il rafforzamento delle disposizioni per la guida accompagnata. Giovedì la Commissione Trasporti del Parlamento voterà la nuova legge per modernizzare il sistema di patenti di guida dell'UE. "La guida non è solo un mezzo di trasporto. È un catalizzatore fondamentale per l'emancipazione personale. Nel definire la legislazione dell'UE, è fondamentale rispondere alle esigenze di tutti i cittadini e delle imprese. Offriamo ai giovani conducenti l'opportunità di affinare le proprie capacità in condizioni reali, affrontando la carenza di conducenti professionisti e rispettando al contempo i rigorosi standard di sicurezza stradale", sottolinea l'eurodeputata Elżbieta Łukacijewska, capo negoziatore del Gruppo PPE sulle nuove regole per le patenti di guida.

25 anni di impegno interreligioso per la pace

Santiago

Il Gruppo PPE è impegnato a difendere la libertà di religione e di credo e a promuovere il dialogo interreligioso. Il 4-5 dicembre, il Gruppo PPE riunirà il suo Gruppo di lavoro sul dialogo interculturale e interreligioso a Santiago de Compostela, in Spagna, per celebrare i 25 anni in cui è stato l'unico Gruppo del Parlamento europeo a impegnarsi in un ampio dialogo con le religioni monoteiste, tra cui le fedi ortodossa, cattolica, protestante, islamica ed ebraica. "Il dialogo e la convivenza nel rispetto e nella tolleranza sono una delle maggiori sfide del nostro tempo. Negli ultimi 25 anni, il Gruppo PPE ha fatto del suo meglio per promuovere costantemente il dialogo. Oggi ne vediamo una crescente necessità. La maggior parte degli attuali conflitti nel mondo ha motivazioni religiose, secondo alcuni addirittura il 70%. Crediamo che il dialogo non sia solo uno strumento ma anche una soluzione: senza una conversazione seria, è difficile raggiungere un consenso", afferma Jan Olbrycht, vicepresidente del Gruppo PPE e copresidente del Gruppo di lavoro sul dialogo interculturale e interreligioso.