Durante l'ultima sessione plenaria il Parlamento Europeo ha approvato una limitata messa al bando del geoblocco sugli acquisti transfrontalieri online all'interno della UE, con la possibilità di rivederne i contenuti dopo due anni. In vista delle prossime elezioni europee il Parlamento ha anche deciso di ridurre il numero dei propri deputati dopo la Brexit, ripartendo alcuni dei seggi del Regno Unito fra altri stati membri. Ha inoltre approvato il processo denominato degli "Spitzenkandidaten", che prevede che i maggiori gruppi politici indichino il proprio candidato alla Presidenza della Commissione. Il Parlamento ha anche approvato la rimozione di Ryszard Czarnecki dalla carica di vice-presidente del Parlamento per aver paragonato la deputata connazionale Roza Thun ad una collaborazionista nazista. L'onorevole Thun aveva accusato l'attuale governo polacco, guidato dal partito Diritto e Giustizia di cui Czarnecki fa parte, di star andando verso la dittatura. 

Manfred Weber , Róża Gräfin von Thun Und Hohenstein , Andrej Plenković , agenda digitale , diritti dei consumatori , Esteban González Pons