Libertà e uguaglianza

Non si può regredire sul rispetto di un principio fondamentale dell'UE come la libertà di circolazione. Insieme, l'UE e i suoi Stati membri devono combattere gli abusi del principio della libertà di circolazione sia a livello nazionale sia a livello UE. Vogliamo semplificare e aumentare la mobilità della forza lavoro dell'UE.

La lotta per i diritti delle donne, compresa la fine del divario salariale e la lotta contro la violenza di genere, deve rimanere una priorità. Dobbiamo anche rispettare i diritti dei bambini e tenere in considerazione il loro interesse.

Tutti gli Stati membri devono difendere i diritti delle persone appartenenti a minoranze e gruppi linguistici autoctoni.

Le nostre responsabilità a livello umanitario

L'Europa deve offrire protezione ai rifugiati politici ed a coloro che fuggono dalle guerre civili. Per far fronte a questa responsabilità umanitaria, l'UE dovrebbe istituire un efficace sistema di asilo comune mentre i suoi Stati membri devono applicare interamente le norme esistenti.

L'Europa deve sviluppare una politica comune in materia di asilo e immigrazione in cui gli Stati membri possano dare priorità all'accesso dei cittadini europei al mercato del lavoro, aumentando allo stesso tempo lo sviluppo programmato e l'aiuto umanitario.

L'UE non può tollerare le frodi sociali e il dumping sociale. Mentre rispettiamo la migrazione legale all’interno del mercato del lavoro, dobbiamo combattere gli abusi e distinguere tra rifugiati e migranti. Gli Stati membri devono rimpatriare i migranti residenti illegalmente nei rispettivi Paesi di origine, nel rispetto del diritto internazionale e dell'UE.

Investire nella sicurezza

Combattere il crimine organizzato, la corruzione e le organizzazioni terroristiche rimane una priorità per l'UE, così come la lotta contro la tratta di esseri umani. Poiché i piccoli Paesi ed i Paesi lungo le coste europee affrontano sfide molto specifiche in materia di migrazione, vogliamo porre fine alla criminalità organizzata e alla tratta di esseri umani per prevenire le tragedie.

Vogliamo rendere più sicuri i confini dell'Europa. Riteniamo che l'Europa debba aumentare le risorse finanziarie, umane e tecniche rafforzando nel contempo il ruolo e le prerogative dell'agenzia per la protezione delle frontiere.

L'Europa ha anche bisogno di una strategia per la sicurezza informatica e contro la criminalità informatica. Gli Stati membri devono migliorare la cooperazione in materia di polizia e giustizia per combattere la criminalità online e offline.

Altri contenuti collegati

Inizio pagina